Verifiche dei green pass nei luoghi di lavoro. Ulteriori novità previste dal Governo

13/10/2021

Facendo seguito alle precedenti comunicazioni sull'argomento in oggetto (da ultimo nostra news dell'8 ottobre 2021), segnaliamo che sono stati firmati ieri due nuovi DPCM in tema di verifiche dei green pass. 

Il primo, il cui testo definitivo deve ancora essere pubblicato, apporta modifiche al precedente DPCM del 17 giugno 2021 sulle modalità di controllo del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo, sia pubblco che privato, introducendo, in particolare, per quanto di interesse del settore privato, la possibilità di avvalersi dei seguenti nuovi strumenti informatici che consentiranno una verifica quotidiana e automatizzata del possesso del green pass:

1) l’utilizzo di un pacchetto di sviluppo per applicazioni (Software Development Kit-SDK), rilasciato dal Ministero della Salute con licenza open source, che consente di integrare nei sistemi di controllo degli accessi, inclusi quelli di rilevazione delle presenze, le funzionalità di verifica della Certificazione verde COVID-19, mediante la lettura del QRcode;

2) una interazione, in modalità asincrona, tra il Portale istituzionale INPS, e la PN-DGC (Digital Green Pass), per la verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID-19 in corso di validità da parte dei dipendenti dei datori di lavoro, con più di 50 dipendenti.

Con il secondo DPCM sono state approvate le linee guida per il personale delle pubbliche amministrazioni. Le linee guida lasciano libero il datore di lavoro pubblico di stabilire le modalità attuative. Il controllo potrà avvenire all’accesso, evitando ritardi e code durante le procedure di ingresso, o successivamente, a tappeto o su un campione quotidianamente non inferiore al 20% del personale in servizio, assicurando la rotazione e quindi il controllo di tutto il personale.

Si segnala infine che sul sito del Governo sono state pubblicate delle nuove faq che tengono conto delle novità introdotte dai due nuovi DPCM.

Tra le indicazioni fornite dal Governo con le nuove faq si evidenziano in particolare le seguenti:

1) la possibilità, per i soggetti in attesa di rilascio di valida certificazione verde e che ne abbiano diritto, nelle more del rilascio e dell’eventuale aggiornamento, di avvalersi dei documenti rilasciati, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche e private, dalle farmacie, dai laboratori di analisi, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta;

2) i controlli sul green pass dei lavoratori che arrivano da società di somministrazione devono essere effettuati sia dall'agenzia di somministrazione ch dall'impresa utilizzatrice.

Nell'attesa di ulteriori precisazioni da parte del Governo e dei Ministeri competenti sulle concrete modalità di attuazione delle novità introdotte in tema di verifica dei green pass, restiamo a disposizione per  eventuali richieste di chiarimenti.

Servizio Rapporti INAIL e Sicurezza Lavoro - adelucchi@confindustria.ge.it - (+39) 010 8338.583