NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COVID-19 - lavoratori fragili e in quarantena: le novità sulla malattia

21/01/2021

INPS, con il messaggio n. 171 del 15 gennaio 2021, fornisce indicazioni sulle novità, introdotte dall’articolo 1, legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di bilancio 2021), riguardo la tutela della malattia per i lavoratori privati posti in quarantena o in permanenza domiciliare fiduciaria, con sorveglianza attiva, e per i lavoratori fragili.
Per quanto riguarda i primi, dal 1° gennaio 2021 è stato eliminato l’obbligo per il medico curante di indicare sulla certificazione gli estremi del provvedimento che ha dato origine alla quarantena o alla permanenza domiciliare.
Per i lavoratori fragili, pubblici e privati, è stato invece introdotto un nuovo periodo di tutela dal 1° gennaio al 28 febbraio 2021.
In merito ai lavoratori ritenuti particolarmente a rischio per specifiche patologie, cosiddetti fragili (comma 2 e 2 bis D.L. n. 18/2020) si precisa che, relativamente all’eventuale neutralizzazione del periodo di comporto, INPS sul proprio sito, dopo aver sottolineato che la disciplina del periodo di comporto non è materia di competenza dell’Istituto poiché si riferisce al limite massimo stabilito dai contratti per il diritto del lavoratore alla conservazione del posto di lavoro, evidenzia che nel comma 2 dell’art. 26 del D.L. 18/2020 (a differenza del comma 1) non c’è alcun riferimento alla neutralizzazione di tale periodo.
Per i lavoratori fragili è stato anche prorogato, per lo stesso periodo, lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile.
Per ulteriori informazioni in merito alle tutele e alle prestazioni economiche a favore dei lavoratori fragili, si rinvia al messaggio n. 4157 del 9 novembre 2020.

Servizio Previdenza - Torazza Paolo

Download

Link

No result...