NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COVID-19 - ulteriori chiarimenti per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a favore delle aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione

21/12/2020
INPS, con messaggio n. 4781 del 21/12/2020, fornisce ulteriori chiarimenti per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a favore delle aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione ex art. 3 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126.
In particolare, l’Istituto chiarisce che le verifiche a cura delle Strutture territoriali dei dati esposti, propedeutiche all’attribuzione del codice, devono intendersi finalizzate al controllo circa l'indicazione di tutte le informazioni richieste e della presenza di almeno un’autorizzazione nel periodo maggio e/o giugno riferita agli interventi di integrazione salariale di cui agli articoli da 19 a 22-quinquies del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27.
INPS precisa altresì che l’esonero può essere fruito tra il 15 agosto e il 31 dicembre, per un massimo di quattro mesi, dal mese competenza agosto 2020 al mese competenza dicembre 2020 (trasmissione entro il 31 gennaio 2021).
Rispetto al calcolo dell’effettivo ammontare dell’esonero, l’Istituto precisa inoltre che lo stesso è pari al doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e/o giugno 2020, con esclusione dei premi e contributi dovuti all'INAIL, e che la retribuzione da utilizzare come base di calcolo per la misura dell’esonero deve essere maggiorata dei ratei di mensilità aggiuntive.
Servizio Previdenza - fscimone@confindustria.ge.it - (+39) 010 8338.469

Download

Link

No result...